FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Solidarietà > Abruzzo > Solidarietà Abruzzo > Abruzzo : le iniziative di solidarietà in Francia

Abruzzo : le iniziative di solidarietà in Francia

Il mondo intero ha reagito con commozione e solidarietà al dramma dell’Abruzzo. Stranieri ma anche italiani all’estero, abruzzesi e non. Sarà che la condizione di migrante porta in sé un’idea di sradicamento, pensare che le radici siano così fragili o, in alcuni casi, non esistano più, ha toccato in particolare tutta la comunità italiana. In Francia le Associazioni si sono attivate fin dall’inizio con la volontà di continuare anche dopo, una spenti i riflettori.

E’ successo il giorno dopo i funerali. In Francia non se ne è praticamente più parlato. In Italia hanno continuato, ma non più in prima pagina, polemiche, campagne e gossip hanno sostituito la solidarietà verso la gente, che è più o meno ancora nelle stesse condizioni.
Le Istituzioni (Consolato, Ambasciata) e i Comites hanno segnalato immediatamente dei conti correnti sui quali versare dei fondi destinati ai sinistrati, tra l’altro riuscendo ad ottenere dalla banca Monte dei Paschi in Francia, che a queste operazioni bancarie non fossero applicate commissioni e tasse. Altre associazioni, come gli Alpini, hanno aperto conti appositi e chiesto ai loro soci di versare un contributo alla causa, che seguono anche sul posto con delle squadre di volontari che si sono alternate per dare una mano alla ricerca delle persone e si prodigano ora per l’assistenza agli sfollati e la ricostruzione.
Il concerto di "Di Sol e di La"Molte delle associazioni, nel frenetico cercar di far qualcosa dei primi giorni dopo il 6 aprile, si sono concertate e hanno deciso di operare su due principi fondamentali. Innanzitutto la durata. I friulani in primis hanno lanciato un monito : attenzione, di aiuti ce ne sarà bisogno per un bel po’, non è che tutto si risolve in qualche settimana o qualche mese. In secondo luogo la scelta di progetti precisi di concerto con la rinascente associazione Gente d’Abruzzo che tutti conoscono ed apprezzano. Non è per sfiducia, ma è sempre bene essere sicuri che i propri sforzi servano veramente a qualcosa. “Anche il Comites”, dice Giancarlo Peretti, “ha deciso di operare nella stessa maniera : sceglieremo un sito, in base alla necessità e seguiremo gli sviluppi della ricostruzione”.

JPEG - 74.7 ko
Le Mondine à Tremblay

Focus In ha aperto, sul suo sito, una sorta di agenda della solidarietà, che recensisce ed annuncia tutte le iniziative in questo senso : la serata dell’Associazione folcloristica di Clamart con il coro Di Sol e di La e in collaborazione con le associazioni locali (tra cui l’italiana Alessandro Manzoni ma anche l’Amicale Franco-Portoghese, gli Amici di Tsuica, les associazioni Poy-song e Temps Mieux, i Vignerons du Clos de Clamart) che ha raccolto più di 400 persone e quasi 7500 euro in un’atmosfera festiva ma molto commovente.
Poi le letture di testi di autori abruzzesi per sensibilizzare il pubblico a una regione poco conosciuta come quella organizzata al café littéraire del 13° arrondissment con Piera Della Morgia e Jacqueline Zana-Victor o quella, prevista il 24 giugno, sempre al Comune del 13°, dall’associazione Polimnia.
I concerti : Gian Maria Testa ne ha fatto uno a Villeneuve d’Ascq il 5 maggio, mentre il coro delle Mondine si è esibito il 27 maggio a Tremblay-en-France in uno spettacolo organizzato da Parfums d’Italie. La stessa associazione che aveva organizzato anche un mercatino solidale il 3 maggio, sempre a Tremblay.
Tra le iniziative in corso, segnaliamo quella dei professori di italiano di cui ci ha parlato l’APIRP (Associations des Professeurs d’Italien de la Région Parisienne) ma che andrà a coinvolgere molte scuole in tutta la Francia. L’idea è quella di un gemellaggio epistolare tra classi francesi e classi abruzzesi, di un sostegno quindi morale e duraturo a coetanei sinistrati che poi potrebbe sfociare, a livello di singoli studenti, in inviti a venire a passare qualche tempo in Francia. Oltre che utile, è un ottimo strumento pedagogico non solo per la lingua ma anche di educazione civica e alla solidarietà.

Erri de Luca per il turismo solidale

Erri De Luca Altra operazione, che ci siamo sentiti di lanciare come giornalisti, è quella di una campagna di turismo solidale rivolta ai francesi. Focus In e l’agenzia di viaggi Autrement l’Italie stanno quindi organizzando una serie di iniziative volte a far conoscere l’Abruzzo, da sempre una destinazione poco richiesta, al di fuori dei circuiti turistici abituali che portano i viaggiatori francesi verso Firenze, Venezia, Roma, Napoli, Palermo e poche altre città d’arte in Italia. Poi, l’Abruzzo si è improvvisamente trovato al centro dell’attenzione ma attraverso il terremoto. Un fenomeno cui il turista francese non è abituato e sul quale non conosce sfumature (la differenza tra “sentire la scossa” e il crollo di una casa o di una chiesa). Il fatto che la stampa estera, come quella italiana, abbia detto e scritto che il terremoto è stato sentito a Roma, in Emilia-Romagna e nelle Marche viene percepito come se tutto il centro Italia sia, in questo momento, a rischio. Il turismo, come tutto l’agroalimentare, ha subito un fortissimo calo, che va dal 50 al 70%. Ecco che allora promuovere la destinazione Abruzzo è un gesto di turismo solidale che porterebbe fondi ad una regione che in questo momento ne ha bisogno. Cominciamo noi, proprio in questo numero, con un itinerario sull’Abruzzo prima di lanciare, il 22 giugno con Erri De Luca, oratore di spicco e grande conoscitore della montagna abruzzese, la campagna d’informazione presso i colleghi francesi.
Sul fronte Economia e Finanza, la nuova associazione “Aquila Future”, presieduta dal tesoriere più noto di Parigi, Romeo Cirone, si propone di raccogliere fondi dove ce ne sono, cioè attraverso i doni delle imprese.-I fondi saranno destinati agli aiuti alla persona (bambini in particolare).
Le altre iniziative su questo tema ma anche su altre operazioni di solidarietà verso l’Abruzzo saranno segnalate sistematicamente nell’agenda della solidarietà del nostro sito.
Continuiamo. E’ importante.

dimanche 7 juin 2009, par Patrizia Molteni