FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Home > Primo Piano > Avanti popolo > Avanti popolo

Avanti popolo

“Siamo in 99%. Sfrattati dalle nostre case. Costretti a scegliere tra fare la spesa e pagare l’affitto. L’assistenza medica ci è negata. Soffriamo le conseguenze dell’inquinamento. Lavoriamo ore e ore per pochi soldi e nessun diritto … se lavoriamo. Non abbiamo niente mentre l’1% ha tutto. Siamo 99%”. Il manifesto del movimento 99% fa capire perché così tanta gente è indignata, perché stanno manifestando in tutto il mondo, compresi quei paesi come i civilizzati Stati Uniti d’America in cui questo genere di protesta è epocale.
Un’indignazione che viene tacciata di antipolitica e assimilata alla violenza, come se la violenza fosse solo quella dei protestanti e non quella dell’1% di potenti che ci sbattono in faccia la loro ricchezza.
Focus in ha voluto capire cos’è l’antipolitica, o meglio se si può veramente definire antipolitica tutto quello che non rientra nella sfera dei professionisti della politica: gli indignati ma anche i black bloc, i movimenti della società civile come quelli che fanno capo a Beppe Grillo o al popolo viola. In realtà, come ci mostra Paola Vallatta nel suo articolo sui gruppi italiani presenti nella regione parigina, nessuno si riconosce come antipolitico. Torniamo allora alla questione della rappresentanza, ce lo dimostra con un esempio della redazione alla Nero Wolf, Livio d’Agostino che mette l’accento sulla partecipazione, sulla differenza fondamentale tra il pubblico e il privato. Anche Andrea Camilleri, che ha commentato il tema per Focus in preferisce parlare di “cittadini” piuttosto che di intellettuali engagé.
Infine la questione della violenza: due scrittori e giornalisti che hanno seguito e interpretato – a modo loro – gli eventi del G8 di Genova, hanno accettato di condividere con i nostri lettori le loro riflessioni. Sono Carlo Gubitosa, fondatore della rivista satirica Mamma! , e Roberto Ferrucci, autore di Sentimenti sovversivi.
Un primo piano che mostra molto chiaramente che il popolo è stufo ma al contrario dell’Uomo qualunque fondato dal Giannini nel 1944, rivendica partecipazione, democrazia, giustizia e libertà. Avanti popolo!

Gli articoli del dossier:

"Politica sì, politica no" di Patrizia Molteni
"Dieci cose che so sulla violenza"di Carlo Gubitosa
"Hanno rubato la politica!" di Livio d’Agostino
"Black Block: come a Genova" di Roberto Ferrucci
"3 domande a Andrea Camilleri"di Patrizia Molteni
" Movimenti cittadini in Francia" di Paola Vallatta

giovedì 8 dicembre 2011, di Patrizia Molteni