FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Home > Opinions > Parola mia > DANNI COLLATERALI DEL PRIAPISMO SENILE

DANNI COLLATERALI DEL PRIAPISMO SENILE

Bene, ci siamo arrivati. Era inevitabile, dopo la riabilitazione del Tuca Tuca (ad opera dei Pink Martini) e di Bettino Craxi (ad opera di indovinate chi?), non si poteva finire che col colonnello Gheddafi ed il Bunga Bunga.
Già i rapporti tra il defunto leader socialista (dico socialista perché, dài, lo sapete che devo farvi ridere…) e l’immortale colonnello erano più che amichevoli. Caspita, il Nostro gli salvò persino la vita, avvertendolo appena in tempo che gli americani avrebbero bombardato Tripoli!
Ma cosa di più normale dell’amicizia che lega i due uomini più liftati del mondo (dopo la scomparsa di Michael Jackson, che almeno sapeva cantare, lui) ? E cosa di più normale che i due più grossi consumatori di Viagra al mondo abbiano in comune delle pratiche tribali degne di vecchi sempre più maniaci e sempre meno sessuali ? Se per ridurre il discredito politico e morale del nostro paese c’è ormai ben poco da fare, almeno si può sperare che questa nuova avventura del Berlusca possa rialzarne il prestigio tra gli (ancora troppo numerosi) adepti del priapismo senile.
Nel frattempo, se l’italiano medio (di cui mi accorgo di essere un esemplare, che orrore !) si occupa del Bunga Bunga del Colonnello e del Cavaliere, non avrà tempo di far caso a due o tre altre notizie d’importanza minore. Per esempio, che tutti gli accusati sono stati assolti per la strage di Piazza della Loggia, a Brescia (ma chi se ne ricorda più?!), come per quella di Piazza Fontana (pura archeologia!), e che il Ministero dell’Interno (non posso nemmeno citarne il titolare) s’incazza con Saviano perché “osa“ parlare di rapporti fra la ‘ndrangheta e quegli onest’uomini della Lega! No, mais franchement ! Dove andiamo!?!
Come dicono i nostri amici americani, si tratta di semplici “danni collaterali“.

mercoledì 29 dicembre 2010, di Franco Lombardi