FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Cultura > Arte > Davide Parenti, Otto e mezzo e altri sogni

Davide Parenti, Otto e mezzo e altri sogni

Dopo la recente esposizione a Parigi del ciclo “Pasolini. Con la forza dello sguardo”, David Parenti torna nella capitale francese con una mostra dedicata a Federico Fellini, che si terrà dal 27 Ottobre al 9 Novembre presso la Galérie 3F dal titolo “Fellini. 8 e 1/2 e altri Sogni”.

Fellini di Davide Parenti Questo secondo ciclo pittorico-grafico dell’artista, residente a Reggio nell’Emilia ma nato a Genova, specializzato nell’evocazione del mondo del cinema, presentato per la prima volta nel 2003, in occasione dei dieci anni dalla scomparsa, al Grand Hotel di Rimini (luogo felliniano per eccellenza) e in seguito in diverse città (tra le altre Bologna, Reggio Emilia, Salerno e a Roma, in Via Margutta, a pochi metri dall’abitazione del Maestro), ha avuto, sempre a Parigi, una sorta di anteprima cinque anni or sono nello spazio espositivo della celebre Libreria Ciné Reflet ; ora è invece l’attuale intero ciclo felliniano ad essere esposto : tra le altre una serie di dittici e trittici di medio e grande formato realizzati a matita e tecnica mista su carta, cartone e legno di pioppo. Il lavoro è stato vivamente apprezzato dal pubblico e da scrittori ragguardevoli come il francese Jean-Max Méjean (che conobbe e ha frequentato di persona Fellini e al quale ha dedicato una pregevole biografia e di cui, inoltre, è appena uscito, un nuovo libro da lui curato dal titolo “Fellinicittà”) e dallo spagnolo Miguel-Angel Barroso.
Da Marcello Mastroianni a Claudia Cardinale, da Giulietta Masina a Terence Stamp, da Alberto Sordi a Roberto Benigni dell’ultimo film “La voce della luna”, sono passati in rassegna momenti filmici e personaggi (tra i quali l’indimenticabile Saraghina di “Otto e mezzo”) attraverso una tecnica esecutiva di tale straordinario virtuosismo da ricordare la minuziosità fiamminga, il cui effetto è uno stato sospeso tra sogno e una sorta di iperrealismo lirico di coinvolgente emotività, dal momento che Parenti mira a scendere chirurgicamente nelle pieghe carnali degli interpreti per ricavare le ragioni artistiche dei rispettivi personaggi.
La mostra parigina sarà corredata da un volume curato dallo stesso David Parenti (che ha fondato l’editrice “Don Quijote” il cui primo volume dedicato al ciclo pasoliniano, con una lettera-prefazione del Maestro Carlo Lizzani, è stato presentato con una mostra alla Fiera del Libro di Torino), contenente la riproduzione delle opere dedicate al cinema felliniano e, come nel precedente volume su Pasolini, una serie di saggi e riflessioni di vari autori internazionali su Fellini.

Galérie 3F - 58, rue des Trois Frères 75018 Paris - Tél 06 63 22 48 68

La mostra fa parte del percorso off organizzato dall’Associazione Emilia-Romagna in collaborazione con la Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo.

lundi 19 octobre 2009