FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Cultura > Cinema > Festival del Film Italiano di Villerupt

Festival del Film Italiano di Villerupt

Quando la classe operaia andava in paradiso

Come ogni anno il Festival del Film italiano di Villerupt ha scelto un tema sociale. Con il titolo « Quando la classe operaia andava in Paradiso » punterà le luci della ribalta sui cambiamenti provocati dall’industrializzazione e dall’urbanizzazione.

Villerupt 2009 Negli anni ‘70 Elio Petri entra nelle fabbriche, riprende la vita degli operai, le loro lotte, il disprezzo dei « padroni », convinto che se il Paradiso esiste la classe operaia sicuramente avrebbe avuto un posto d’onore. Da quest’idea e da questo film, Oreste Sacchelli, direttore artistico del Festival e l’équipe diretta dall’instancabile Antoine Compagnone, hanno elaborato una retrospettiva sul mondo del lavoro visto attraverso la cinepresa dei registi di oggi e di ieri. Da I compagni (Mario Monicelli) e Metello (Mauro Bolognini) a Signorinaeffe (Wilma Labate) e Tutta la vita davanti (Paolo Virzì) passando per Lamerica (Gianni Amelio), Padre e figlio, (Pasquale Pozzessere), Mi piace lavorare (Francesca Comencini), La fabbrica dei tedeschi (Mimmo Calopresti) e Di Madre in figlia (Andrea Zambelli), in tutto 11 film, accompagnati da una mostra di foto di scena e di locandine sul tema.
Su questo argomento, come sulle anteprime e i film più recenti, di cui la programmazione è sempre ricchissima, rifletteranno anche gli studenti delle scuole e dell’Università, come al solito coinvolti durante tutto il Festival.
Si preannunciano, come al solito, alcuni film inediti in Francia ("Lo spazio bianco" di Francesca Comencini, tratto dal libro di Parella, "Come Dio comanda" di Salvatores, tratto dal libro di Ammaniti, "Vincere" di Marco Bellocchio, "Diverso da chi ?" di Carteni, "Fortapàsc" di Marco Risi, "Galantuomini" di Winspear, "Generazione Mille euro" di Venier, "Giulia non esce la sera" di Piccione... ) così come la proiezione dei primi tre film di Nanni Moretti, "Io sono un autarchico", "Ecce Bombo", "Sogni d’oro".
Appuntamento dunque sul sito del festival (www.festival-villerupt.com) per scoprire tutti i film e gli invitati di questo grandissimo Festival.


Voir en ligne : Le site du Festival du Film Italien

samedi 24 octobre 2009