FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Home > Tempo libero > Gastronomia > Il fico d’India tresoro della Puglia

Il fico d’India tresoro della Puglia


Pianta che caratterizza il selvaggio e caldo paesaggio del Sud Mediterraneo, il fico d’India (Opuntia ficus-indica), originario del Messico, è uno dei tesori della Puglia.
La grande resistenza alla siccità gli permette di crescere anche spontaneo nelle campagne bruciate dal sole. La risorsa alimentare più pregiata è rappresentata dai succulenti frutti colorati che, oltre ad essere consumati freschi, possono essere utilizzati per la produzione di succhi, liquori, gelatine, marmellate, miele, dolcificanti ed altro; ma anche le « pale » (cladodi), possono essere mangiate fresche, in salamoia, sott’aceto, candite, sotto forma di marmellata o utilizzate anche come foraggio. L’arbusto è impiegato anche per la difesa del suolo, la realizzazione di siepi frangivento o la produzione di compost.
Nel Salento, il brevettato procedimento di estrazione della sua fibra ne ha permesso un originale impiego anche nel Design, rivestendo con essa mobili e complementi d’arredo (Sikalindi).

La Ricetta

Orecchiette alla crema di fichi

Ingredienti
per 2 persone: una cipolla, 4 pomodorini tipo cigliegine, mezzo bicchiere di vino rosso, mezzo bicchiere di latte, una manciata di scamorza a cubetti, una manciata di pecorino romano a cubetti, 5 foglie di basilico, 7 fichi d’india mondati, 160 gr. di orecchiette sale q.b.

Preparazione:
In un pentolino soffriggete la cipolla precedentemente mondata e tagliata grossolanamente. Aggiungete i pomodorini a pezzetti ed un pizzico di sale, lasciate cuocere per qualche minuto a fuoco lento. Nel frattempo iniziate a preparare la pasta. Stemperate la salsa con il latte ed il vino rosso, unite 4 foglie di basilico e quando diviene cremosa buttatevi anche la scamorza a cubetti ed il pecorino. Mondate e tagliate a pezzetti 6 fichi d’india ed incorporateli (se vi infastidiscono i semi potete setacciarli al passino).
Scolate la pasta e buttatela nella salsa amalgamando il tutto.
Servite su un piatto di portata e guarnite con il fico d’india rimasto e la foglia di basilico, se volete spruzzate con dell’olio pugliese.

martedì 1 ottobre 2013