FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Home > Economia > Italia Sostenibile

Parigi - il 16 e 17 marzo 2013

Italia Sostenibile

Un evento fieristico, il primo realizzato in Europa e rivolto in primo luogo ai Tour Operator ed alle Agenzie viaggi di vari paesi, gli organizzatori puntano l’attenzione sull’Italia come esempio presente e in evoluzione in termini di sostenibilità, turismo responsabile, accessibilità turistica, valorizzazione del territorio, delle tradizioni e dei prodotti tipici e del rapporto
“caldo e positivo” tra le comunità locali ed i turisti.

Sul turismo è evidente che l’Italia offre molteplici opportunità come territorio ed anche come enogastronomia ma la sostenibilità è un atout per il futuro – e gli studi Ocse l’hanno ampiamente dimostrato – poiché è un concetto che include anche l’energia ed il rispetto del territorio.
Il progetto “Italia sostenibile” vuole coinvolgere enti pubblici e privati, aziende ma anche consorzi che si occupino di turismo sostenibile, un turismo che va dalla produzione alimentare biologica all’utilizzo di fonti di energia pulita per le proprie attività e che volge un’attenzione di riguardo al territorio, attività culturali comprese.
“L’esigenza di ripartire con forza mettendo in campo le proprie eccellenze e promuovendole nei mercati più forti ed attrattivi è la spinta principale per una risposta concreta a quello che è un periodo molto difficile per l’economia italiana”, dicono gli organizzatori. Per questo “Italia Sostenibile - Salon du tourisme durable en Italie - si pone tre obiettivi che vuole garantire a tutto l’apparato economico e organizzativo legato al turismo in Italia secondo i principi a cui si ispira la strategia Europa 2020: quelli dell’inclusione, dell’intelligenza e della sostenibilità”.
La Francia è da tempo un paese sensibile al tema della sostenibilità, développement durable, culture biologique, sono argomenti all’ordine del giorno. Il Green Business sta prendendo piede in tutti i settori, turismo compreso, senza dimenticare il turismo solidale.
Prova dell’interesse e della presenza francese in questo settore, Nantes, Capitale “Verde” d’Europa nel 2013 (“Nantes 2013 – European Green Capital”).
“Italia sostenibile” nasce con l’obiettivo di diventare un appuntamento annuale per affrontare di volta in volta le tematiche del turismo e della sostenibilità presentando sempre nuovi progetti di sviluppo e soluzioni che possano essere applicate nel breve, medio o lungo termine. L’inaugurazione, attorno ad un aperitivo-degustazione di prodotti biologici italiani sarà l’occasione di incontri B to B tra i tour operator e le aziende.
Il Salone, sotto forma espositiva, metterà a disposizione circa 50 spazi ad aziende ed enti territoriali provenienti da tutte le regioni italiane e vedrà la partecipazione del Ministero dei Beni Culturali e Paesaggistici della Regione Piemonte, di Slow Food e dei principali enti legati alla Promozione del territorio.
Tra i maggiori promotori dell’iniziativa Silvia Costa, Parlamentare Europea e relatrice del programma Creative Europe 2014-2020, che ha espresso tutto il suo interesse ed apprezzamento per una manifestazione indirizzata a mettere in primo piano l’economia turistica italiana e che si basa sull’utilizzo di una risorsa naturale inesauribile di cui l’Italia è straordinariamente ricca: la Cultura. "Iniziative di questo genere” ha detto Silvia Costa, ”oltre a rappresentare una straordinaria occasione di promozione del nostro patrimonio culturale e del suo valore, economico e non, possono supportare efficacemente un più innovativo approccio al turismo, che sempre più si orienta verso una dimensione esperienziale e composita, in cui tante sono le opportunità da cogliere e le sinergie possibili tra gli operatori e le aziende che lavorano in questo settore. L’Europa, e il programma Europa Creativa in particolare, incoraggia questo tipo di innovazione, basata non solo sulle tecnologie ma anche sulla costruzione di nuovi know-how, trasversali e più integrati".
Due conferenze centrali sono previste: un primo dibattito sui temi del Turismo Sostenibile con l’intervento di esperti del settore e la partecipazione di parlamentari europei che si occupano di questo tema preciso e di rappresentanti del Ministero dei Beni Culturali per fare il punto della situazione in Italia con “case history” di strutture particolarmente virtuose che hanno orientato il loro business sulla sostenibilità.
La seconda conferenza sarà dedicata ad un approfondimento dell’esperienza di Slow Food dalla sua nascita ad oggi, in Italia e sul territorio francese. Slow Food è stata protagonista fin dalla sua fondazione, nel 1986, dell’affermazione dei valori di rispetto per il territorio e tutela della produzione di cibo su piccola scala, sostenibile, di qualità ed è stata pioniera di quelli che sono poi diventati i temi principali della sostenibilità.
L’emergere e la crescita del turismo sostenibile, o turismo intelligente, in Italia non può ottenere i favori del pubblico dato che il nostro paese è già privilegiato dai suoi aspetti naturali, ambientali, paesaggistici, storici, gastronomici nonché dall’offerta culturale, grazie a tutte le città d’arte che costellano lo stivale in ogni sua regione ma non si può solo vivere sulla propria gloria e sulla fama acquisita e questa iniziativa darà sicuramente un nuovo slancio all’economia del turismo presentandola sotto un aspetto che più si sposa all’air du temps.

Espace Champerret
Place de la Pte Champerret
(Paris 17e)
Contact: 0685563062 o 0663546512

mercoledì 6 febbraio 2013, di Luisa Pace