FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Cultura > Cinema > Italy in a Day

Italy in a Day

Un tuffo in terra nostrum, un’Italia ferita e tanta tenerezza

“Perché nel ritratto dell’Italia raccontato attraverso 632 video di persone comuni, la preparazione del cibo e il suo consumo vengono rappresentati come momenti di gioia, creatività e identità.”


“Italy in a Day – Un giorno da italiani” si aggiudica, alla “71. Mostra Internazionale del Cinema di Venezia”, il Premio Fedic, destinato all’opera che meglio riflette l’autonomia creativa e la libertà espressiva dell’autore al film, e una valanga di applausi.
Esce al Lido di Venezia il film-documentario più atteso dagli italiani, o almeno da oltre 44.000 di questi.
2200 ore di girato, più di 45.000 partecipanti, italiani, in Italia e nel mondo.
Il progetto, che nasce sulla scia del capolavoro firmato Ridley Scott “Life in a Day”, coinvolge anche il nostro Paese, che così decide di raccontarsi, di mettere a nudo e in pasto alla platea, la sua rabbia, il suo rammarico per una decadenza che ha coinvolto le generazioni tutte, ma anche la sua tenerezza, la sua simpatia e originalità.
Appena un anno fa, il primo esperimento di Social-Movie italiano – o per dirlo con parole nostre – di Lavoro Collettivo, si annunciava così : “Il 26 ottobre 2013 prendete una videocamera o un telefonino e filmate. Filmate una parte importante della vostra giornata, insomma filmate quello che vi sta a cuore. Avete presente i diari ? Qui potete raccontare qualcosa di importante direttamente alla telecamera. Come fosse un video diario. Oppure filmare le persone che vi stanno attorno, le persone della vostra vita. La tua famiglia, i tuoi amici, qualcuno che ami. Se quel giorno lavori porta la camera con te, se sei a spasso accendi il cellulare e filma, se sei ad un matrimonio, se ti nasce un figlio, se fai qualcosa di memorabile o anche di normale, la vostra vita quotidiana...c’é posto per tutti. Insomma ovunque sarete riprendete ! Italy in a Day grazie a tutti voi racconterà un giorno del nostro paese, un giorno da italiani.”
Ed eccoli lì gli italiani, hanno premuto play e il resto l’ha fatto la telecamera. Alcuni avranno pensato di non avere una vita abbastanza interessante, altri – presuntuosamente – hanno creduto che Salvatores stesse aspettando proprio loro. Altri ancora, se non tutti, si sono sentiti protagonisti, per un giorno, in un Paese a volte crudele, che li dimentica, li emargina, li nasconde. L’effetto immediato è lo stesso restituito da “Sacro GRA”, vincitore del Leone d’oro al miglior film lo scorso anno a Venezia. Ti domandi : ma c’è davvero qualcuno in questo mondo che fa un lavoro simile ? Ma c’è davvero qualcuno che porta con sé una vita tanto assurda ? Sì, e (anche) l’Italia, ne è piena.
Afferma il Regista Gabriele Salvatores in Conferenza Stampa : “Abbiamo selezionato le immagini che più ci hanno divertito, fatto ridere, intristito o comunque emozionato. Da lì il lavoro era già in discesa. Abbiamo scelto una grammatica della narrazione che restasse ancorata alle storie raccontate evitando il montaggio frenetico di Ridley Scott. Le immagini non sono state falsate, non è stato apportato nessun intervento, né ritocco. Penso che questa sia una grande forma di rispetto verso chi ha partecipato a questo film.”
E cosa ne è uscito ? “Mi hanno restituito l’immagine di un paese sofferente ma con dignità, speranzoso verso il futuro. C’è un senso di ‘tenerezza’ verso la vita, verso l’umanità, che ho trovato positivo per quanto mi riguarda.” – prosegue il regista.
In questi anni balordi, dove la globalizzazione la fa da padrona, e l’americanismo sembra aver sgualcito quanto di più caro ci appartiene, questo è un tuffo in terra nostrum, con semplicità, ingenuità e coraggio. Torna in mente Paolo Sorrentino, quando alla notte degli Oscar, ritirato il Premio per il Miglior film straniero con “La Grande Bellezza”, esclamò : “Questo è un Paese davvero strano, ma bellissimo.”
Il film-documentario “Italy in a Day” è uscito nelle grandi sale con un unica data, Martedì 23 Settembre, e poi in prima serata su Rai3 Sabato 27. Una scelta singolare, e anche qui significativa, di un Prodotto che questa volta, più che mai, appartiene a Noi, Italiani.

mercredi 15 octobre 2014, par Margherita Teodori