FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Home > Actualités > La Touraine rende omaggio alla più antica repubblica del mondo

La Touraine rende omaggio alla più antica repubblica del mondo

La Touraine rende omaggio alla Repubblica di San Marino con una serie di eventi dedicati al Monte Titano, organizzati dal Consolato Generale di San Marino a Parigi in collaborazione con i comuni di Saint-Cyr-sur Loire e di Amboise, che hanno avuto luogo in dicembre scorso.

 Il console di San Marino, Pier Marino Berulli con il sindaco di Amboise, Christian Guyon.Il programma delle manifestazioni si è aperto giovedì 15 dicembre con il vernissage di un’esposizione fotografica dedicata alla Repubblica di San Marino presso il Manoir de la Tour, sala messa a disposizione dal Comune di Saint-Cyr-sur Loire. La mostra si è protratta sino alla domenica successiva, riscontrando un buon successo di pubblico. La giornata è proseguita con una conferenza tenuta dal Console Generale Pier Marino Barulli sulla storia del paese a cui hanno assistito un centinaio di persone, tra cui alcuni membri della comunità sammarinese della regione (che conta una trentina di famiglie) e numerosi esponenti dell’Università di Tours, polo accademico di fama internazionale, che hanno espresso il desiderio di creare una collaborazione con l’Università di San Marino.
Le manifestazioni sono proseguite il giorno seguente presso il Comune di Amboise con l’incontro con il Sindaco e la posa di una targa commemorativa ai piedi della scultura di Amleto Cataldi, donata da San Marino alla Repubblica francese nel 1935, a titolo di ringraziamento per il sostegno apportato dalla Francia sin dai tempi di Napoleone, che per primo aveva reso omaggio alla tradizione repubblicana di San Marino rispettando l’indipendenza del piccolo stato al momento delle campagne militari condotte sulla penisola italiana. Di questa scultura raffigurante Leonardo Da Vinci si erano perse le tracce sino a quando, una decina di anni fa, il Console Generale, trovando un articolo su un giornale dell’epoca, aveva avviato delle ricerche per rintracciarla, scoprendo così che dal 1976 la statua era stata trasferita da Parigi ad Amboise, ultima dimora del genio italiano. La giornata si è conclusa con un pranzo offerto dal Comune di Amboise e con una visita guidata del loro magnifico castello.

domenica 11 marzo 2012, di Manuela Barberis