FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Solidarietà > Abruzzo > Solidarietà Abruzzo > La prova dell’otto

La prova dell’otto

Il G8 all’Aquila

Costerebbe 300 milioni di euro la geniale idea di trasferire il G8 dalla Maddalena all’Aquila. Per Bertolaso, il risparmio in misure di sicurezza sarebbe di 100 milioni di euro e il Premier restringe gli inviti a causa della capienza del bunker in costruzione sotto la caserma di Coppito.

A parte il fatto di organizzare in due mesi un G8 in una zona dove le priorità sono ben altre, cosa se ne farà la Maddalena delle strutture già in fase finale di completamento per accogliere il grande evento ? Due alberghi di gran lusso, per i capi di stato (132 milioni) forse potranno servire per il turismo locale, ammesso che il lusso diventi di massa, vista la capienza. Idem per le costruzioni sul lungomare (42 milioni) mentre il centro di convegni (58 milioni) anche volendo accogliere eventi meno prestigiosi sarà di difficile reimpiego. E il centro stampa, pronto ad accogliere migliaia di giornalisti da tutto il mondo ? Altri 26 milioni. La prova dell’Otto non torna : invece di sprecare tutti questi soldi ed andare a complicare ulteriormente una situazione già complicata, non era meglio starsene tranquilli alla Maddalena ? Ma forse è proprio questo l’obiettivo : la tranquillità. Magari i contestatori non avranno il coraggio di andare a far casino all’Aquila.

dimanche 7 juin 2009, par Luisa Pace