FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Home > Cultura > Letteratura > Lo straniero nemico e fratello

Letteratura italiana e Grande Guerra

Lo straniero nemico e fratello

organisé par Altritaliani, Fondation Maison d’Italie, Dante Alighieri

Incontro con Giovanni Capecchi, Università per Stranieri di Perugia

Il 28 giugno 1914, con l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, scoppia la prima guerra mondiale. Il sito Altritaliani, in collaborazione con la Maison de l’Italie e il Centre Italiance, in vista del centenario e con qualche mese di anticipo organizza, una conferenza di Giovanni Capecchi (docente di Letteratura italiana presso l’Università per Stranieri di Perugia) dedicata alla letteratura italiana durante la “Grande Guerra”. Un evento, animato da Nicola Guarino e Roberto Barnabé, e sostenuto dall’Istituto Italiano di Cultura, Focus In, la SIES e La Libreria di Parigi.

L’incontro si propone di presentare un quadro complessivo della letteratura italiana nel periodo fra il 1914-1918. Gli scrittori (italiani, e non solo) hanno partecipato alla guerra e gli eventi bellici hanno generato scritture, usando diverse forme espressive per comporre i loro testi nelle differenti fasi storiche della “Grande Guerra” (dalla poesia al taccuino e al diario, dal romanzo al testo teatrale, dalle memorie agli articoli di giornale). Da qui una guerra raccontata “in diretta”, durante i combattimenti, nelle pause lasciate libere dagli assalti; ma anche dopo il 1918, con numerosi libri fino agli anni Trenta, con una riemersione significativa del tema anche nel secondo dopoguerra, negli anni Sessanta e addirittura fino ad oggi.
Attraverso autori che hanno combattuto (da Renato Serra a Giuseppe Ungaretti, da Giani Stuparich a Emilio Lussu), ma anche utilizzando scrittori che hanno vissuto la guerra “a distanza”, perché dislocati nelle retrovie (come Aldo Palazzeschi e Umberto Saba) o perché non più giovani (Luigi Pirandello, Italo Svevo, Federico De Roberto), così da ricostruire un’immagine d’assieme e possibilmente esauriente della letteratura della Grande Guerra, anche in riferimento al tema del rapporto con il nemico (riscontrabile nelle letterature degli altri paesi che erano coinvolti nel conflitto).
Utile strumento per approfondire il tema dell’incontro sarà la presentazione del nuovo libro di Giovanni Capecchi Lo straniero nemico e fratello. Letteratura italiana e Grande Guerra (Bologna, Clueb, 2013). Il tutto anche in vista della pubblicazione nel sito Altritaliani.net di un mensile che sarà dedicato a questo tema nel corso del 2014, nella ricorrenza del centenario.

Lunedi 2 dicembre, ore 18.30
Maison de l’Italie –

Cité Internationale Universitaire
7A, boulevard Jourdan
75014 Paris


Vedi on line : Per informazioni

lunedì 25 novembre 2013, di Patrizia Molteni