FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Home > Associazioni > Focus sulle Associazioni > Mangiar cantando

Mangiar cantando

Per chi si fosse perso l’articolo del numero 11 di Focus in, i TaROCKati, trio emergente di cui fa parte Marzia Beluffi, nostra collaboratrice e presidente degli “Ateliers France-Italie”, associazione che opera per la diffusione della cultura italiana principalmente attraverso conferenze di storia dell’arte e coaching interculturale per le imprese.

Dal capire un quadro o sapere come comportarsi in una riunione d’affari franco-italiana al mangiar cantando il passo è breve. Non sembra,
ma è così.
Gli Ateliers contano tra i loro aderenti parecchi musicisti e cantanti, niente di sorprendente per un’associazione italiana, se non fosse che loro sono più bravi di quanto ciascuno di noi può fare sotto la doccia. Naturale allora che alle riunioni, che si svolgevano al Miroglio caffè, si mettessero a cantare e che provocassero le reazioni entusiaste del pubblico. Da cosa nasce cosa, i concerti al Miroglio sono stati replicati diverse volte, coinvolgendo sempre di più gli avventori del locale.
Poi l’incontro con il “gruppo” facebook “Roma amicizia”, il cui scopo è quello di organizzare serate in ristoranti italiani. La prima iniziativa comune ha avuto luogo nel ristorante “Pizza & fichi” (tenuto, tanto per dimostrare quanto è piccolo il mondo, da Chiara Giustiniani, fotografa d’eccezione che aveva esposto alla Mairie del 13° nella mostra collettiva “Paris et les femmes”, realizzata da Focus in e l’Italie à Paris). Romana lei, Chiara, romano il ristorante, romano il repertorio presentato dai TaROCKati: rifacendosi alla tradizione delle osterie, Rita, Marzia e Stefano hanno lanciato degli stornelli, quelle brevi poesie che si lanciavano à mo’ di “sfottò” da un balcone all’altro i popolani della capitale (vedere riquadro). Il pubblico, italiani a Parigi, non si è tirato indietro e ha risposto in rima. Forte di questo successo, il gruppo “mangiar cantando” sta preparando altre serate, sempre in collaborazione con “Roma amicizia”, magari variando le regioni e il repertorio gastronomico-canoro.
E tanto per restare nell’interculturale, gli Ateliers France-Italie non solo introducono i canti nei silenziosi ristoranti parigini ma i bambini sono ben accetti: due elementi che fanno tutta la differenza tra un ristorante francese e uno d’oltralpe. Più intercultura di così!

Tanto pe’ capisse: un esempio di stornello romano
Mentre ch’er ber pae
se se sprofonna
tra frane, terremoti, innondazzioni
mentre che sò finiti li mijioni
pè turà un deficit de la Madonna
Mentre scole e musei cadeno a pezzi
e l’atenei nun c’hanno più quadrini
pè la ricerca, e i cervelli ppiù fini
vanno in altre nazzioni a cercà i mezzi
Mentre li fessi pagheno le tasse
e se rubba e se imbrojia a tutto spiano
e le pensioni sò sempre ppiù basse
una luce s’è accesa nella notte
dormi tranquillo popolo Italiano
a noi ce salveranno le mignotte.

Nonostante la sua attualità, lo stornello è di Giocacchino Belli, scritto nel 1831!

giovedì 8 dicembre 2011, di Patrizia Molteni