FOCUS IN - Chi siamo
RICERCA
Une N° 23 Un N° 22 Une N° 21 Une N°20 Une N° 19 Une N° 18 Une N° 17 Une N° 16 Une N° 15 Une 14 Une N° 13 Une N° 12

Accueil > Scienza > Sua maestà il LED

Sua maestà il LED

Il premio Nobel per la fisica nel 2014 è stato vinto da tre ricercatori giapponesi, Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shuji Nakamura, per l’invenzione di diodi LED (light emitting diode) di colore blu ad alta efficienza. Li abbiamo visti tutti sugli alberi di Natale, ma la loro vera importanza è nel fatto che usando il blu si può costruire un LED a luce bianca, con un’efficienza 10-20 volte maggiore di una lampadina ad incandescenza e una durata di 100000 ore invece che di 1000. Le vecchie lampade ad incandescenza avevano un’efficienza di circa il 5%, che significa che il 95% dell’energia che gli davamo con la corrente elettrica andava dispersa in calore. Scottavano.
Abbiamo usato negli ultimi anni le cosiddette lampade a basso consumo, cioè a gas fluorescenti, che sono migliori di quelle ad incandescenza ma non arrivano ai LED per durata ed efficienza, e perdono luminosità col tempo.
In questo momento trovate già lampade a LED nei negozi, ma i prezzi sono ancora abbastanza alti. Non preoccupatevi, stanno scendendo molto rapidamente.
E questa è sempre stata una caratteristica dell’elettronica. Il prezzo di un transistor o di un microprocessore dipende in sostanza solo da quanti se ne producono. Il motivo è che i semiconduttori non si possono fare a mano, in modo artigianale, per cui sono sempre stati prodotti con metodi altamente automatizzati. E quando hai insegnato ad un robot a costruire qualcosa devi solo aspettare che ne faccia tante altre, ed i prezzi crollano. Un fenomeno del genere sta succedendo anche nel campo della meccanica di precisione, dove il costo dei materiali è molto piccolo a causa delle piccole dimensioni, come in elettronica.


Osservate la foto : sapete cosa sono quei due minuscoli oggetti ? Due motorini per far vibrare il telefono cellulare. Motorini in corrente continua, che significa che devono contenere un paio di magneti, un rotore con avvolgimento ed un paio di spazzole per far circolare la corrente. In un volume così assurdamente piccolo ? E lo sapete quanto costano ? Se ne comprate cinque, 30 centesimi l’uno. Se poi ne comprate un mezzo chilo il prezzo scende ancora di parecchio. Non mi stancherò mai di predicare che l’automazione sta cambiando il mondo più velocemente della globalizzazione.
L’altro giorno ho incontrato un vecchio artigiano che costruiva insegne al neon, quelle di vetro colorato piegato a caldo e riempito di gas e fosforo.
Bravissimo, era un piacere guardarlo lavorare, ma il suo lavoro sta scomparendo, sostituito dai LED. E non è il solo : che lavoro fanno ora i telegrafisti ?
L’introduzione della macchina a vapore generò una serie infinita di squilibri ed anche tanta disoccupazione, per un breve periodo di tempo. Morale ? Tanti ricercatori e ingegneri e pochi montatori e braccianti. Bisogna che la gente studi di più.

mercredi 29 octobre 2014, par Luciano Trasatti